Ti sarà inviata una password per E-mail

UNA NONNA SUL SURF A TORQUAY BEACH

Tempo di lettura: 4 min.

Mio figlio si impietosisce e mi tira fino a superare l’onda.

Subito dopo c’è una piccola zona di calma piatta e fa appena in tempo a posizionarmi che… l’onda mi porta verso riva!

Naturalmente non mi sogno neanche a pensare di alzarmi, ma è bellissimo!

bellavitosi_surf-australia-torquay-beach.jpg

“Ancora!” grido, come fanno i bambini e lui, paziente, mi porta ancora un po’ di volte. Poi, giustamente, si stufa e io mi riscaldo sulla spiaggia, felicissima di averci provato, osservando gli altri.

Lui è bravino, ma non è certo un campione, come – noto ora – non lo sono nemmeno gli altri che vanno e vengono instancabili. Qualcuno riesce ad alzarsi e a fare qualche metro sopra l’onda, ma la maggioranza cade subito.

E’ veramente difficile ma molto divertente. Restituiamo la tavola all’ex giovanotto che davanti al mio entusiasmo di neofita attempata si intenerisce e non mi fa pagare il noleggio della tavola. Grande!

Al ritorno ci fermiamo a Sanremo (si chiama così) uno dei tanti piccoli paesi della costa a mangiare fish and chips. Non vi so dire il nome del pesce locale, ma era freschissimo e buonissimo, cucinato al momento nella cucina a vista.

A riprova della mia avventura restano le foto e un ricordo bellissimo. Da rifare!

Leggi anche:

Diario di una nonna in viaggio per l’Australia

Missione nonna, dall’Australia con amore

A Melbourne fra animali e pic nic

 

 

1 2 3 4