Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 6 min.

Facendo il giro del mondo scopriamo città che sembrano cartoline, verde, natura e un amore per la pulizia che altre città se lo sognano.

Alle 13 arriveremo a Fremantle, ultima sosta in questo bellissimo continente che è l’Australia. Il mare è tranquillo ed è spuntato un bel sole, temperatura di 16 gradi.Ieri sera Burraco e poi a nanna perché lo sballottolamento della giornata ci aveva un pochino stancato… sono stata bravissima perché Brontolo è andato in cabina prima ed io non sono andata al Casinò!

Non ho approfittato perché:

1) avevo due bottigliette d’acqua che avevano incautamente ordinato e non bevuto (non so perché, nonostante ci sia gente che dal ristorante o buffet si porta via quantità industriali di bibite, io mi vergogno un pochino – e non c’è ragione – nessuno dei camerieri ha mai fatto la minima osservazione.
2) pure io sentivo sempre il dondolio anche se il mare si era calmato.

Ho letto le notizie della nave da crociera in avaria… il nostro mare era un po’ meno mosso – ho visto le foto – ma il problema penso siano stati i motori in avaria. È tutto finito bene, meno male.

Stasera invito (stanno invitando tutti gli ospiti a turno) per una cena speciale al ponte 13 poppa!

Fremantle e Perth.

Siamo arrivati in anticipo rispetto a quanto annunciato, ci accoglie una temperatura piacevolissima e tanti sorrisi

C’è un bel sole caldo senza umidità 🎉. Abbiamo mangiato al buffet e siamo scesi con calma verso le 15, il signor MSC ci ha messo a disposizione il bus gratuito per andare in centro (…come è gentile lei!).

Carina, molto molto carina Fremantle, tante case antiche, una miriade di negozi, bar ristoranti, un bel litorale e – chevelodicoaffà – tutto pulito e ordinato!

Andiamo a Cappuccino Street.

Gironzolando ci fermiamo in una strada piena di bar e mi accorgo subito che hanno quasi tutti nomi italiani, scegliamo Gino’s per una sosta e per poter osservare meglio le persone.

Il giorno dopo veniamo a sapere che la strada è soprannominata Cappuccino Street e che il bar è molto famoso, che il proprietario è un italiano emigrato come sarto, ma scoprendo che non c’erano macchine per il caffè ne portò una dall’Italia e si trasformò in barista facendo la sua fortuna e aprendo la strada a tanti altri italiani. Ci hanno anche detto che in questa zona mangiano tantissimo italiano.

Mentre eravamo al bar all’improvviso vediamo il Trio Magnifico in divisa, ora le cose sono due: o hanno nostalgia di noi crocieristi e ci vengono a controllare o pensavano di potersi godere tranquillamente almeno qualche ora di svago – poveri illusi – avete presente il Papa o la regina Elisabetta mentre salutano la folla? Beh, uguale…. saluti a destra e a sinistra 😂😂 –

Continuiamo la nostra esplorazione e miracoloooo riusciamo a comprare dei magnetini a 1,90 dollari australiani!

Troviamo pure il nastro adesivo trasparente per completare l’impacchettamento delle valigie 😩😩.

Bisogna venire a Perth per scoprire le villette

Il giorno dopo, escursione a Perth, non siamo molto fortunati con le guide, speravamo in una signora che ci avevano detto bravissima…. peccato! Comunque abbiamo visto delle cose bellissime, Perth è molto grande, divisa da una parte modernissima di grattacieli – tante società minerarie, tanti soldi, tanta alta finanza! – poi tantissimo verde e case bellissime.

Qui solo da poco hanno iniziato a costruire palazzi con appartamenti perché gli australiani amano vivere invece in villette, infatti gli appartamenti sono abitati in maggioranza da asiatici.

C’è un bellissimo giardino botanico dove su molti alberi c’è una targhetta con il nome di un caduto in guerra, se ci sono due o più targhette significa che sono morte più persone della stessa famiglia, l’ho trovata un’iniziativa impressionante e nello stesso tempo commovente. Qui c’è molto rispetto per questi morti che vengono commemorati il 25 aprile (solo noi riusciamo sempre a fare polemica su queste cose!)
Appena la connessione lo permette carico le foto.

Qui il senso civico fa pulizia

Ho visto cose che voi umani o romani non avete mai visto 😂: giardinieri che pulivano con l’idropulitrice dei mattoni intorno ad un albero e poi spazzavano fino all’ultima foglia… meglio del salone di casa!

Avete presente il GRA di Roma dove alle rotonde degli svincoli c’è di tutto e di più gettato da incivili e mai raccolti da nessuno? Beh allora capirete lo stupore nel vedere i prati e i bordi delle strade pulitissimi. Che magnifico paese, che civiltà!
Ho sentito tante persone entusiaste… si tratta di inculcare a tutti sin dall’asilo il senso civico, non c’è altra strada, credo.
La prima sera abbiamo anche avuto l’invito per la cena al ponte 13 poppa nave, praticamente nel salone di fronte al terrazzo all’aperto. Cena a lume di candela con musica soft dal vivo. Cena a base di pesce, ma con la solita cortesia hanno portato l’alternativa di carne per Brontolo che non mangia pesce ma solo crostacei.
Scrivo queste cose adesso stando a letto, sono le 24 siamo partiti da pochi minuti, con 2 ore di ritardo per un’emergenza medica dell’ultimo minuto e per problemi con l’ufficio immigrazione australiano.
Ci aspettano 5 giorni di navigazione per arrivare a Singapore, adoro i giorni di navigazione, lo sapete.
👋👋👋 buona notte!

(La Crocier-ossina)bellavitosi_giro-del-mondo-crociera.jog

Leggi anche:

NAVIGAZIONE VERSO SAMOA E PAGO PAGO

ESCURSIONI SI’, ESCURSIONI NO

BORA BORA, L’ISOLA DEI SOGNI

ARRIVATI A PAPEETE, POLINESIA

HAWAII, ECCOCI QUI

SBARCHIAMO A SAN FRANCISCO

IN PULLMAN A LAS VEGAS E GRAN CANYON

SBARCHIAMO A SAN FRANCISCO

SOGNANDO LA CALIFORNIA

IL MESSICO CI ACCOGLIE

SULLA SPIAGGIA IN GUATEMALA

SIAMO IN NICARAGUA

OGGI SI ARRIVA IN COSTA RICA

ATTRAVERSIAMO IL CANALE DI PANAMA

ARRIVO A CARTAGENA

CRISTOBAL PANAMA

SANTA MARTA IN COLUMBIA

SIAMO AD ARUBA, L’ISOLA RICCA DEL TURISMO

SAN JUAN DE PORTORICO

ST.MAARTEN E ST THOMAS

NAVIGHIAMO SULL’ATLANTICO

LA CROCIERA CONTINUA, SBARCO A MADEIRA

MARSIGLIA, NUOVI AMICI E RELAX

BARCELLONA, MALAGA E SALUTIAMO IL MEDITERRANEO

TUTTI A BORDO: PARTENZA!

GIRARE IL MONDO IN CROCIERA. MANCA POCO ALLA PARTENZA

SCEGLIERE LE ESCURSIONI

L’ORGANIZZAZIONE PRIMA DI TUTTO

COME TRASFORMARE UN SOGNO IN REALTA’