Tempo di lettura: 2 min.

Tutela Simile è il nuovo contratto dell’Autorità per l’Energia che promette il 20% di risparmio sulle bollette di elettricità, acqua e gas. E’ il mercato libero.

bellavitosi_Logo_Tutela_Simile-1In Italia, da giugno 2018 verrà abolito quello che si chiama il regime di Maggior Tutela per entrare nel mercato libero.

Tradotto in italiano corrente significa che dall’anno prossimo non ci sarà più un’unica tariffa definita ogni tre mesi dall’Autorità per l’Energia, ma i prezzi saranno liberi, decisi dalle singole aziende.

Tradotto in una forma ancora più semplice con un esempio telefonico: è come quando c’erano solo i prezzi di Telecom e poi sono arrivati gli altri, Vodafone, Wind, Tre, ecc.

Ci saranno nuovi prezzi, nuove società, nuove offerte, nuovi criteri e nuove strategie di prezzo, probabilmente anche una nuova confusione.

Tutela Simile nasce per affrontare queste complessità e per risolverle, o quanto meno semplificarle. La sua funzione è di aiutare i consumatori a  individuare e scegliere la migliore offerta per le loro esigenze.

E’ un nuovo tipo di contratto per le utenze domestiche e professionali di energia elettrica, gas e acqua, della durata fissa di 12 mesi che si potrà stipulare solo via web e non sarà rinnovabile.

Il prezzo verrà definito dall’Autorità ma ogni singola azienda potrà applicare uno sconto a suo piacere sulla prima bolletta a scalare, un bonus insomma. Dopo un anno si potrà scegliere se continuare con lo stesso fornitore oppure cambiare.

Attenzione che se l’utente non avvisa per il cambio dell’operatore, questi verrà automaticamente confermato e potrà applicare i prezzi da mercato libero, senza regalare altri sconti.

bellavitosi_tabella-tutela-simileTra le 28 aziende che hanno aderito ci sono molte differenze fra gli sconti adottati, i più bassi sono i 12 Euro di Iren e i 10 di Sinergas per arrivare alle offerte più sostanziose con i 106 euro dell’Eni e i 115 della francese Engie. Enel ne offre solo 33.

Tutela Simile dovrà essere ben chiaro e semplificato per aiutare davvero i consumatori italiani, fino ad oggi le risposte sono state abbastanza strane, Engie avuto solo 410 adesioni su 100.000 disponibili e Eni le ho avute 341 su 500.000 disponibili.