Tempo di lettura: 6 min.

E’ tempo di prendere in mano il nostro avvenire e di prepararci a viverlo nel miglior modo possibile. Ecco alcuni consigli per trovare ciascuno il proprio equilibrio.

Dice il saggio: ognuno di noi deve trovare un metodo personale per preservare il fisico, adottare una buona igiene mentale e restare in forma il più a lungo possibile.

Tenere a mente dei consigli-guida può essere utile. Ecco quindi i 10 consigli fondamentali per prepararsi a un futuro che illumini il cammino di un’esistenza veramente bellavitosa: ovviamente si concentrano sulla salute, ma anche sul nostro equilibrio intellettuale, affettivo ed emozionale.

1

PASSARE DEL TEMPO LIBERO DI QUALITA’.

Se non si lavora più e non si è in vacanza, è necessario trovare più di un’occupazione per evitare di stare a casa davanti alla tv.

Intorno a noi ci sono sicuramente delle associazioni o delle comunità che offrono a giovani e meno giovani la possibilità di condividere interessi o nuove attività. Possono essere circoli di bridge, visite di gruppo a mostre e luoghi d’arte.

L’importante è non restare lì soli a fare nulla. Quest’immagine è tutto il contrario del modello bellavitoso!

2

STARE CON GLI AMICI.

Ovunque scegliate di vivere, è importante considerare il contesto sociale che vi circonda. Ci sono quelli che dopo la pensione scelgono di cambiare residenza e spostarsi verso luoghi più caldi e assolati senza avere alcun problema, ma ce ne sono altri che invece si sentirebbero sradicati e soprattutto isolati, lontani dalle frequentazioni abituali e dagli amici di una vita.

Consideriamo con attenzione questo aspetto. L’isolamento è spesso l’inizio dell’invecchiamento e l’importante è sentirsi bene con la scelta che si è fatta.

3

STARE CON LA FAMIGLIA.

Se è essenziale non isolarsi dai rapporti di amicizia, è altrettanto essenziale non dimenticare i legami familiari.
Anche qui, per qualcuno le relazioni con la parentela non occupano un grande spazio nella vita, ma per altri, soprattutto per le madri nei confronti dei figli, è inconcepibile vivere lontano da loro.

Conviene dunque trovare un buon compromesso per non mettere a rischio i propri equilibri affettivi.

4

VOLERSI BENE.

Con gli anni le piccole attenzioni da dedicare alla salute si intensificano. I denti, la vista, le articolazioni: nessun problema anche di poca importanza deve essere dimenticato. E anche i problemi più gravi, ovviamente.

E’ importante fare prevenzione, attraverso controlli periodici. Via quindi alle analisi del sangue, alla verifica di diabete, colesterolo, tensione arteriosa, funzionamento cardiaco e alla mammografia annuale o biennale. Sarà un buon modo per dormire più sereni e se è il caso di agire in tempo.

Anche l’attenzione al regime alimentare è fondamentale per la nostra salute fisica e mentale.  Più si va avanti con l’età e più questo aspetto diventa importante, perché il metabolismo rallenta o diventa irregolare: conviene quindi fornirgli il carburante migliore, degno di un’età che merita rispetto!

5

MEDITARE PER CRESCERE.

Imparare a meditare a cinquanta, sessanta, settant’anni e continuare a praticarlo il più spesso possibile permette di affrontare meglio le insidie della vita e di avere un nuovo sguardo sul tempo che passa.  Troppo spesso rimpiangiamo il passato e abbiamo paura del futuro: dimenticandoci completamente di vivere al meglio il nostro presente!

Meditare significa ricaricarsi, imparare a vivere l’istante presente e approfittare di ogni momento del nostro vivere quotidiano. Significa non vedere più l’età che avanza come una nemica, ma al contrario come un’alleata. Non s’invecchia, ma si “cresce”, in quanto i segni fisici del tempo che passa diventano dettagli a confronto della saggezza e dell’arricchimento interiore che crescono in noi.

6

AMARE PIU’ CHE MAI.

Amare ed essere amati è il modo per restare positivi e vivere momenti di felicità. Possiamo vivere in coppia da tanti anni ma anche da poco tempo, perché ci si può innamorare a tutte le età. Recentemente, si vedono anche coppie “scoppiate” dopo anni di logorante convivenza, che finalmente divorziano per ricostruirsi una nuova vita lontano da un partner che non si sopporta più, per essere liberi di vivere un nuovo amore.

Ma non è solo l’amore di coppia che permette di vivere felici. C’è anche l’amore per i figli e gli amici. Non possiamo vivere senza amore: è come un elisir che ci fa guarire dall’aridità sentimentale e ci offre un’esistenza più intensa e ricca.

7

FARE PROGETTI.

Un modo eccellente per restare giovani di spirito è continuare a fare progetti in campo professionale (non per tutti la vita si ferma quando si raggiunge l’età della pensione). Continuare a impegnarsi in attività che ci interessano è sinonimo di un costante dinamismo.

Oggi vediamo sempre più frequentemente dei nonni super-impegnati o che si cimentano in attività che prima erano inaudite per un anziano Come chattare sul web con degli sconosciuti…

8

FAR LAVORARE LA TESTA.

La vivacità intellettuale è il segreto per conservare una vera, eterna giovinezza. Per questo bisogna mantenerla ancora e sempre. I modi sono tanti e diversi: la lettura, i cruciverba, le conversazioni, i giochi che richiedono concentrazione, i test mnemonici…e possiamo anche iscriverci a dei corsi per imparare cose nuove.

9

MAI LASCIARSI ANDARE.

Questo deve essere un dictat importante riguardo al vostro aspetto fisico. Soprattutto per le donne, è fondamentale continuare a mantenere l’abitudine di andare dal parrucchiere, vestirsi in modo carino, mettere le creme, farsi la manicure.

La faccenda riguarda anche gli uomini, ovviamente. Curare l’aspetto significa piacere agli altri, ma per farlo bisogna cominciare prima di tutto a piacere a se’ stessi.

10

FARE IL PUNTO E ACCETTARLO.

Può esserci un momento in cui, nonostante tutte le precauzioni che abbiamo preso, la vita ci sembra pesante e ci coglie un po’ depressi. Quello è il momento per prendere in mano la situazione, esaminando i vari aspetti della nostra vita, per capire dov’è il problema. E’ il posto in cui si vive? O la lontananza di qualcuno? Una preoccupazione di salute?
La cosa peggiore è quando il rimpianto dei “bei vecchi tempi” scalfisce il nostro spirito. La nostalgia è normale, ma attenzione a non lasciarsi andare a un modo di pensare che prima potrebbe fare male a noi, e in seguito potrebbe isolarci dagli altri. Visto dalle persone più giovani, un comportamento positivo e sorridente attira certamente di più di un modo di fare sempre pieno di tristezza e recriminazioni, no?