LETIZIA BATTAGLIA AL MAXXI DI ROMA

Tempo di lettura: 3 min.

Una grande retrospettiva che racconta il lavoro, la vita e le tante passioni della fotografa Letizia Battaglia, nei contrasti di una Palermo degli anni ’80 e ’90.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ strano come la violenza e l’orrore possano diventare a volte una forma di bellezza. Se per bellezza s’intende quella dell’arte fotografica.

E’ questo che si scopre e che avvolge chi visita l’esposizione dedicata a Letizia Battaglia, al Maxxi di Roma.  Un percorso dettagliato e analitico attraverso le sale racconta le tappe professionali della fotografa siciliana e ci accompagna fino alla fine, dove in maniera incalzante, continua, si snocciola, in 200 scatti in bianco e nero, la vita di Palermo, immortalata da uno sguardo amoroso ma anche profondamente realistico, che non omette nulla e non risparmia nulla a chi osserva.

E’ la Palermo delle vite miserevoli e arrangiate, dei grandi delitti, della corruzione, dei funerali mafiosi, dei processi, dello scempio edilizio e ambientale, degli ospedali psichiatrici, dei morti ammazzati. Ma dove comunque sbocciano gli amori. E si balla, si ride, si fanno ricevimenti in abito da sera e scampagnate in riva al mare.

“Per pura passione”, così s’intitola la mostra.  E la passione si sente, traspare dalle immagini ma anche dal racconto della vita stessa di chi le ha scattate. Una vita militante, dove il fare fotografia significa anche impegno civile ed etico. Dove denuncia, cronaca, coscienza e cuore diventano una cosa sola: arte. (segue)

1 2