Tempo di lettura: 3 min.

Al Palazzo delle Esposizioni di Roma continua la mostra sulla storia della Genetica, fino al 18 giugno. E Trenitalia fa lo sconto 2 biglietti al prezzo di 1.

“DNA, il grande libro della vita da Mendel alla genomica” , la mostra di Palazzo delle Esposizioni adotta un approccio fortemente interattivo com’era stato fatto con successo nelle due mostre scientifiche precedenti, Darwin e Homo Sapiens, mescolando linguaggi diversi, riducendo al minimo i testi e facendo grande uso di proiezioni, reperti, situazioni immersive ed esperienziali. Per creare emozioni.

Il DNA e i geni vengono raccontati con una narrazione multimediale e spettacolare.

bellavitosi_palazzo-esposizioni-mostra-Mendel.jpgI visitatori potranno avere un’idea di quello che è fortemente essenziale  per la nostra vita ma  che è praticamente invisibile.

La mostra è divisa in sette sezioni, la prima utilizza retroproiezioni su tutte le pareti per evocare, come in Matrix, l’inganno: ciò che vediamo come realtà è solo l’aspetto superficiale; dietro, all’interno della cellula c’è un codice che definisce come siamo e come saremo nel futuro.

La seconda sezione invece fa un salto nel passato ai tempi di Gregor Mendel, che nel 1854 attraverso gli esperimenti sui piselli intuì e scoprì le leggi dell’ereditarietà. Da qui in poi la genetica fa il big bang, anche se il monaco fu incompreso dai suoi contemporanei.

Gregor Mendel era riuscito a risolvere da solo l’unica zona grigia della teoria di Darwin.

bellavitosi_palazzo-esposizioni-mostra-Mendel.jpgNell’apposita sala con 23 tronchi che rappresentano i nostri cromosomi e in cui sono esposti molti reperti originali,  è possibile capire come il monaco scienziato risolve la parte ancora non chiara della teoria darwiniana della trasmissione dei caratteri ereditari.

Anche i cloni hanno una loro sezione, una grande sala per camminare in mezzo a una sfilata di modelli di animali a grandezza naturale, con schermi che raccontano la storia della loro clonazione.

Una mostra adatta a un pubblico assolutamente trasversale.

Possono visitarla adulti, appassionati della materia ma anche i più piccoli, dalle elementari al liceo. E chi ha tablet o palmare potrà scaricare l’app dell’evento, Mendel 2.0.

La mostra sta avendo così tanto successo che Trenitalia offre uno sconto ai clienti delle Frecce e ai titolari CartaFreccia: potranno acquistare un biglietto per due persone al prezzo di una fino al 18 giugno 2017.

C’è anche un’area dedicata alle attività della Scientifica che utilizzano le tracce biologiche sulle scene dei delitti per identificare gli autori dei reati. La Polizia racconta le sue attività e la storia dell’analisi forense del Dna.