5   +   5   =  
Tempo di lettura: 2 min.

Nessun bellavitoso amante di Chagall deve perdersi il Museo Nazionale Marc Chagall. L’occasione può essere la mostra temporanea “Chagall et la Musique”, una raccolta di numerose opere che l’artista ha dedicato alla musica.

Il Museo è sulle alture di Nizza ed è stato inaugurato quando l’artista era ancora vivo, con una collezione di diciassette dipinti a tema biblico.

Negli anni è andato via via arricchendosi con sculture, un mosaico, un arazzo e tre vetrate, seguendo il percorso artistico di Chagall dagli esordi fino alle sue attività di scenografo e costumista.Chagall-song-of-songs_2

Marc Chagall nasce a Vitebsk nel 1887, in quella che oggi è la Bielorussia, da una famiglia di origini ebraiche. Pur avendo vissuto la Rivoluzione Russa, il dramma delle persecuzioni naziste e della morte della sua prima, adoratissima moglie, nelle sue opere esprime un’allegra dimensione onirica e surreale, con colori intensi, in bilico fra pittura e poesia. Considerato vicino alle avanguardie del Cubismo, del Fauvismo e del Surrealismo, non ne fa mai parte completamente.

Chagall_1905Oltre ai quadri, la sua vita è fitta di numerose e diverse esperienze artistiche. Disegna le vetrate per la sinagoga dell’ Hassadah Medical Center presso Gerusalemme, per la cattedrale di Metz e del Fraumünster di Zurigo. Dipinge il soffitto dell’Opéra di Parigi. Realizza a New York i grandi murales per la Metropolitan Opera House. Crea il grande mosaico per la First National City Bank a Chicago. Cura anche le scenografie per “L’uccello di fuoco” di Stravinskij.

Marc Chagall muore a Saint-Paul-de-Vence nel 1985, esattamente nove anni dopo l’apertura del Museo di Nizza a lui dedicato.

“Chagall et la Musique”, Musée National Marc Chagall di Nizza. Fino al 3 giugno. Ingresso 6 euro.

Schermata 2016-04-12 alle 17.21.56 Schermata 2016-04-12 alle 17.19.34