Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 3 min.

Cinesi, indiani, italiani, hamburger, pizza, kebab, sushi… nella consegna a domicilio la scelta è ricca, soprattutto se si abita in città. E’ una comoda tentazione da provare, anche solo per curiosità.

Niente ferma quest’abitudine che ormai si sta radicando in modo sempre più veloce, soprattutto in città. Presente all’inizio solo in Italia del nord, adesso si è diffusa dappertutto.

Tanto che nella ricerca su Google, la voce “cena a domicilio” oggi supera di gran lungo quella per la ricerca dei ristoranti.

Agli italiani pigri che non vogliono muoversi di casa fa più gola ordinare la pizza, seguita da hamburger, sushi, gelato, pokè hawaiano (molto di moda ultimamente).

Consegne in bici sfrecciando in città.

Quei bolidi che sfrecciano in città su bici di ogni genere, con alle spalle quei scatoloni fosforescenti, sono sempre più numerosi. I runner che consegnano i cibi a domicilio sono ormai centinaia, spesso anche oggetto di proteste varie, sia perché certe società li pagano pochissimo, sia perché spesso nel traffico s’intrufolano  fra un’auto e l’altra in modo pericoloso sia per loro stessi che per gli altri.

Se vivete in una grande città come Milano, Roma, Torino Bologna o Firenze potete utilizzare tutte le app più diffuse.

Secondo la piattaforma  di marketing Semrush, che analizza i dati di ricerca su Google, la app che oggi detta legge sulle altre è Just Eat, con oltre 500 mila utilizzi al mese. Seguono poi altre app i cui logo ormai vediamo spesso girare in città: Deliveroo, Glovo e Uber Eats.

E la corsa alla consegna sembra non fermarsi. Deliveroo, per esempio, oggi  offre il suo servizio in 14 località in tutta Italia: da Fiumicino a Imperia, da Lecce a Cagliari, da Venezia a Lucca.

Come funziona?

L’ordine può essere fatto facilmente con l’app sullo smartphone. Lì troverete i menù dei ristoranti che offrono la consegna a domicilio, con i prezzi. Se volete risparmiare, si possono prenotare delle box con porzioni impostate per più persone.

La commissione dell’app parte da circa 2,50 euro ma cambia secondo la distanza fra casa vostra e il ristorante da cui il runner preleva il cibo.

Poi basta ordinare e aspettare il tempo indicato. Si paga direttamente sull’app con la carta al momento dell’ordine, compresa la mancia per il runner se volete. Di media i runner si scapicollano per arrivare di media fra i 20 e i 40 minuti, secondo quanto è lontano il ristorante che prepara il piatto che avete ordinato. Il tempo di prendere l’aperitivo…