Ti sarà inviata una password per E-mail

CASA PASSIVA. LA CASA A COSTO ZERO

Tempo di lettura: 3 min.

La casa passiva è un edificio che consente il maggior risparmio energetico, in estate e in inverno. Sarà la casa del futuro?

La casa passiva è il modello di abitazione con il miglior livello di risparmio energetico. I consumi domestici, riscaldamento, energia, scaldabagno e ventilazione sono inferiori a quelli di un ferro da stiro.

È un’invenzione di pochi anni fa ma ha già conquistato l’Europa, architetti e clienti finali sono soddisfatti, l’ambiente, anche. È la nuova frontiera dell’edilizia: l’edilizia sostenibile.

Dov’è il trucco?

La casa passiva unisce le tecniche della bioarchitettura alle nuove tecnologie per l’uso delle energie rinnovabili, creando un edificio a impatto zero e che non produce rifiuti. In pratica, d’inverno scalda gli interni senza utilizzare caldaie o termosifoni, d’estate li rinfresca senza avere un condizionatore.

Il segreto è nel perfetto isolamento di pavimenti, infissi, pareti e tetto che annulla la dispersione del calore, e nell’impianto di ventilazione, lo stesso in uso per il caldo e per il freddo, a bassissimo consumo energetico.
Le energie utilizzate sono esclusivamente rinnovabili e alternative: solare, geotermico, mini eolico, fotovoltaico, recupero idrico e composting toilet.

Naturalmente tutti i materiali di costruzione sono ecologici, così la bioarchitettura sposa la bioedilizia e tutti vivono felici e contenti.

Le fondamenta delle case passive hanno un rivestimento isolante che avvolge completamente la parte esterna dell’edificio. Le pareti sono tipiche degli edifici a consumi controllati. La temperatura interna è mantenuta costante con una ventilazione meccanica forzata: un doppio circuito di uscita e di entrata. Gli impianti di ventilazione sono silenziosi, altamente efficienti e recuperano dal 70% al 95% del calore, funzionano con poca energia elettrica: circa 4050 Watt.

(segue)

1 2