Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 3 min.

Dal 5  al 14 ottobre a Trieste  c’è la cinquantesima edizione della Barcolana,   la regata più affollata del mondo e l’evento che richiama gli appassionati della vela da tutt’Italia.

Dieci giorni di grande festa dedicata alla vela, nel golfo di Trieste, su un campo di regata lungo 13 miglia. Più di 2000 imbarcazioni di tutte le dimensioni su una singola linea di partenza, con circa 25mila velisti, professionisti e semplici appassionati, fianco a fianco. Oltre 300 eventi in città, tutti sul tema del mare. E’ la Barcolana, un evento unico nel panorama velico internazionale.

Nel mondo della vela è nota per essere una delle regate più affollate del mondo, anche questo fa parte del suo fascino, è l’unica al mondo in cui gli amatori sono a un metro dai più famosi professionisti internazionali, sulla stessa acqua, sullo stesso mare. Agonismo puro. Regatanti della domenica, equipaggi di famiglie o di amici, partiranno a fianco delle imbarcazioni da Coppa America.

La storica regata velica internazionale Coppa d’Autunno Barcolana si chiama così perché si svolge a ottobre, a conclusione della stagione velica. Nella prima edizione ci furono 51 iscrizioni ma di anno in anno la popolarità è cresciuta fino a richiamare equipaggi internazionali e velisti di fama mondiale.

 

E’ un evento che coinvolge l’intera città e attrae turisti anche da molto lontano, arrivando ad oltre 250mila persone. Il pubblico segue la regata sia dalle rive di Trieste che dalle alture del Carso, grazie alla particolare conformazione del golfo che permette di osservare la gara da molti punti di osservazione, come uno stadio della vela naturale.

Barcolana è la regata più famosa e frequentata d’Italia perché possono partecipare tutti e tutti si divertono, la festa dura una settimana ma il clou è nel weekend finale quando si tiene la regata. Eppure quando è nata venne osteggiata proprio per questa sua caratteristica unica, l’apertura a ogni tipo di imbarcazione a vela, giudicata troppo popolare dall’élite velica dominante nel 1968.

 

La settimana di questa festa del mare è piena di eventi e di possibilità di svago. Trieste è celebre per i suoi antichi caffè frequentati da poeti e scrittori: Stendhal, Joyce, Svevo e Saba. La degustazione del caffè è una tradizione di antica data.

I posti considerati migliori per osservare la Barcolana da terra.

Sulla Strada Napoleonica, un sentiero lungo circa 3,7 km  c’è una vista dall’alto con uno stupendo panorama di Trieste e del golfo, oppure la via Bonomea da dove si scatta la classica foto con vista del faro della Vittoria, o dal castello di Miramare per osservare le virate prima dell’ultimo bordo, infine sotto il faro della Vittoria ci sono ottimi scorci per cogliere l’attimo della partenza con lo sparo del cannone. Ma è così vasta e spettacolare che basta muoversi per trovare punti di vista memorabili.

Partecipare alla Barcolana dal mare.

Esiste anche la possibilità per vivere la Barcolana da protagonisti, iscrivendosi all’equipaggio di una delle barche che vi partecipano. Ci sono possibilità a tutti i livelli di prezzo e di esperienza: se siete già velisti e quindi volete gareggiare (quasi) in prima persona, ma anche se è la prima volta che mettete piede su una barca e volete fare il vostro battesimo della vela ai massimi livelli.

Per entrambe le scelte, abili skipper mettono a disposizione la loro barca con interessanti pacchetti-soggiorno di uno o più giorni, a prezzi che prevedono l’iscrizione alla Barcolana (con relativo kit completo di maglietta, cappellino, etc. tutto rigorosamente marchiati col logo Barcolana) oppure per vederla dal mare, ai bordi della competizione. Online si trova di tutto.