Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 1 min.

Le regole sui consumi stimati nelle bollette dei fornitori dell’elettricità sono cambiate a favore di noi consumatori, ed è bene conoscerle.

Le nuove regole valgono per adesso solo per le bollette dell’energia elettrica, ma a inizio anno riguarderanno anche le bollette del gas e dell’acqua.

Da adesso, si spera non ci siano più shock da bollette esagerate, come quello capitato nei giorni scorsi a una signora di Savona di 80 anni, che si è vista recapitare una bolletta dell’acqua da 5.600 euro.

Cosa è cambiato?

Consumi stimati, conguagli, aggiornamenti vari, tutto è permesso sui calcoli delle bollette. E finora la richiesta di spese accumulate da parte dei fornitori di energia, poteva essere fatta andando indietro di 5 anni.

Con il risultato che si potevano accumulare cifre esagerate su cui poi era difficile accertare l’effettiva attendibilità.

Adesso, invece, i fornitori potranno fare calcoli retroattivi soltanto di due anni.

Più facile il controllo dei consumi, quindi. E più leggeri gli eventuali importi di conguaglio.