Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 3 min.

Si risparmia fino al 40% comprando smartphone, tablet e computer di seconda mano, sono controllati, rigenerati e a volte c’è anche qualche mese di garanzia.

Come succede già nel mondo dell’automobile, anche nel mondo della tecnologia il mercato dell’usato può offrire buone occasioni e a volte anche belle sorprese. Acquistare uno smartphone di recupero può essere un buon affare, se è abbastanza recente e se ha un prezzo conveniente.

Sono quei cellulari che vengono “dati dentro” quando si acquista il nuovo modello. Il negozio oppure il produttore lo ritira, lo controlla, sostituisce le parti consumate e difettose per poi rimetterlo in vendita ad un prezzo ribassato come telefono ricondizionato, che è cosa diversa da un oggetto usato e messo in vendita così com’è. Si possono comprare anche on line, come tutti gli altri prodotti.

Il riuso degli oggetti, soprattutto quelli tecnologici, sta avendo un boom che ha creato un vero e proprio nuovo mercato. In alcuni casi, proprio come con le automobili, i controlli di qualità a cui vengono sottoposti gli smartphone, i tablet o i computer, sono severi e professionali.

Viene effettuato il ripristino e la correzione delle parti difettose o obsolete, il controllo estetico per graffi o eventuali danni esterni, il reset di tutte le funzioni e infine alcuni fanno anche l’igienizzazione. Tanto che viene rilasciata una scheda con la valutazione della qualità del prodotto e una classificazione per determinare il prezzo di rivendita.

Scegliete un venditore di cui vi fidate.

Altre volte ci si può trovare di fronte ad un oggetto visibilmente usato, senza garanzia, di dubbia provenienza, con un prezzo stracciato. Meglio pensarci due volte, soprattutto se non conosciamo il venditore o non abbiamo nessun rapporto con il negozio. E’ innegabile tuttavia che i buoni affari esistono e  bisogna saper riconoscerli per cogliere l’occasione al volo.

Cancellazione dei dati. Quando un cellulare viene ricondizionato, i dati e ogni traccia del precedente proprietario vengono cancellati, riportando l’oggetto alle impostazioni della fabbrica, come quando è stato venduto da nuovo. Quindi niente nomi, niente e-mail, niente amici, niente residui di messaggi o conversazioni, niente app né giochi, dev’essere pulito e con la memoria vuota. Se così non fosse  significa che non è stato ricondizionato in modo professionale.

Non dimenticate gli accessori.

Acquistando un cellulare ricondizionato di solito si ha anche in dotazione il cavo per la ricarica e tutti quegli oggetti che fanno parte della dotazione di vendita.

Se comprando il nuovo la garanzia è di un anno, per i ricondizionati varia da 30 a 60 a 90 giorni. Meglio acquistare in un posto dove danno la garanzia, anche minima, pagando qualche euro in più, c’è più sicurezza.

Se comprate un telefono bloccato, cioè legato in esclusiva a un operatore telefonico, non potrete scegliere la tariffa più conveniente per voi. Assicuratevi che lo smartphone che state acquistando sia “sbloccato”, non sempre lo indicano.