Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 2 min.

I Bit Coin sono la nuova mania del mondo digitale, che alimenta il sogno di grandi guadagni con investimenti minimi. E’ realtà o sarà l’ennesima bolla digitale?

Uno degli argomenti più diffusi nelle cene fra amici, negli uffici, sui social, sono i bitcoin, la criptovaluta che qualche anno fa valeva zero ed ora è esplosa nei desideri e nei sogni di chi vorrebbe diventare ricco investendo pochi euro. Come sempre in queste bolle speculative chi ci guadagna veramente è chi ha saputo prendere il treno in corsa appena è partito.

Ecco tre domande chiave per fare chiarezza su questo Eldorado digitale.

1 – Ma sono soldi veri?

I bitcoin non sono una moneta né una valuta e neanche un prodotto bancario, sono un’invenzione finanziaria digitale. Hanno un valore economico, quindi per comprarli dovrò usare soldi reali, dollari, e quando li venderò riceverò il corrispettivo in dollari. Il valore di un bitcoin cambia in funzione della richiesta e dell’offerta, per esempio nel 2012 valeva 2 dollari, nel 2017 è arrivato a valere quasi 20.000 dollari, oggi è circa a 9.000. Non essendo un prodotto bancario, non li posso depositare sul conto corrente, vengono custoditi nei wallet, bollettini elettronici on-line, o in chiavette Usb non connesse a internet.

2 – Dove posso comprarli?

Si comprano o si scambiano. Si comprano in appositi bancomat (in Italia ce ne sono 10) oppure dai cambiavalute online come Kraken, Bitcoinbase e altri. Un altro modo per comprarli è fare il mining cioè mettere a disposizione un computer dedicato che notte e giorno esegue algoritmi per la comunità. In cambio si riceve una quota di bitcoin. Lo scambio invece avviene attraverso il protocollo peer to peer che diffonde questa criptovaluta in tutto il mondo digitale.

3 – Dove posso spenderli?

Fino a poco fa si potevano spendere solamente sul Web, ora invece anche i negozi reali iniziano ad accettarli, le banche Jp Morgan e Goldman Sachs stanno per aprire un ufficio di cambio, e si può pagare anche la mensa scolastica dei figli in bitcoin. Nel Lazio c’è un’impresa immobiliare che vende case a Roma e in provincia accettando pagamenti in bitcoin, ne ha già vendute tre.