Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 2 min.

Ogni donna ha una storia tutta sua con la menopausa. E’ confermato dalla ricerca «Le donne e la menopausa» che ha rilevato i diversi comportamenti femminili.

Questa recentissima ricerca, condotta da GfK Italia per conto di MSD Italia, è stata presentata in occasione del 17° World Congress della Società Internazionale di Ginecologia Endocrinologica (ISGE).

A cambiare, da donna a donna, sono le aspettative nelle terapie e soprattutto il grado di soddisfazione. Le “serene” la vivono con tranquillità e le “rassegnate” la tollerano, ma sono le “performanti” e le “eterne ragazze” che si attivano per trovare soluzioni.

Anche nella percezione dei sintomi ogni donna è diversa. Oggi una donna trascorre un terzo della sua vita (circa 30 anni) in post-menopausa, è il gruppo sociale più numeroso anche in considerazione della maggiore longevità femminile.

Le donne over 50 sono accomunate anche dal timore per i sintomi che possono compromettere la qualità della vita a breve, medio e lungo termine. I più fastidiosi sono le vampate di calore (55%), aumento di peso (40%), problemi di sonno (31%), effetti negativi sull’umore (23%) e problemi legati alla sessualità.

Malgrado l’impatto di questi sintomi, solo un quarto delle donne si attiva per trovare soluzioni: il 5% sceglie una terapia ormonale sostitutiva, il 10% sceglie un integratore alimentare e l’8% opta per prodotti naturali/omeopatici.

Nella scelta della terapia ormonale è fondamentale il consiglio del ginecologo: è lui che la consiglia in tre quarti dei casi. Il World Congress è stato anche l’occasione per presentare un nuovo farmaco per la terapia ormonale.