Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 3 min.

Il vero rischio in aeroporto è mettere i propri oggetti nelle vaschette dei controlli di sicurezza: ci sono più germi che nelle toilette.

Se avete paura dell’aereo, non è in volo che correte i rischi maggiori, ma a terra, specialmente ai controlli di sicurezza.

E gli oggetti più minacciosi non sono gli oggetti appuntiti o le sostanze tossiche che è severamente proibito imbarcare, pena l’arresto, ma quelle vaschette di plastica su cui si devono appoggiare gli oggetti personali per passarli sotto ai raggi X.

Perchè proprio queste vaschette, che passano da una persona all’altra sul tapis roulant, sono il vettore più pericoloso di germi di ogni genere.

Lo ha scoperto la rivista scientifica BMC Infectious Diseases, autrice di una ricerca effettuata presso l’aeroporto di Helsinki, per verificare la quantità di virus e gli strumenti per minimizzarne la diffusione.

In effetti, viaggiando aereo ci sono parecchi modi per prendersi un’infezione respiratoria o trasmetterla agli altri, sia nelle procedure prima dell’imbarco, che a bordo attraverso un semplice contatto, o a causa delle goccioline provenienti dalle vie respiratorie che si disperdono nell’aria.

Ma la scoperta emersa dagli studi della BMC è stata che il rischio di contaminazione esiste di più nei luoghi con alte percentuali di affluenza e superfici maggiormente toccate.

E fra le superfici esaminate, risulta che proprio le vaschette dei controlli si sicurezza hanno un alto rischio di contaminazione, perchè non solo vengono maneggiate da tutti i passeggeri prima d’imbarcarsi, ma anche perchè fanno da contenitore a scarpe, vestiti e oggetti personali di ogni genere.

E’ quindi sui nastri trasportatori, dove il traffico di persone e oggetti è notevole, che corre la minaccia maggiore. Qui è maggiormente probabile la trasmissione di infezione respiratorie, incluso l’influenza stagionale e pandemie varie.

L’aumento dei viaggiatori negli scali nazionali e internazionali è una delle cause della diffusione più rapida delle malattie infettive.

Proprio I viaggi in aereo nel 2003 hanno facilitato la diffusione, in pochissimo tempo e in molti paesi, della SARS, la minacciosa influenza che veniva da Hong Kong.

Ma mentre luoghi molto frequentati negli aeroporti sono puliti costantemente, altri vengono toccati da milioni di persone e non vengono puliti quasi mai.

E queste vaschette hanno vinto il primato della contaminazione, più delle toilette, dei sedili, dei carrelli e delle maniglie delle porte.

Unica soluzione possibile è munirsi di gel disinfettante per le mani o correre a lavarle subito dopo il controllo di sicurezza.