Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 8 min.

L’energia vitale ha nomi diversi, secondo le varie culture. In India si chiama “prana”, in Giappone “ki”, in Cina “chi” e in occidente “bio-energia”.

E’ quella risorsa che permette di conservare un buon tono mentale e fisico a seconda delle stagioni e delle circostanze. Ecco 15 consigli importanti che abbiamo raccolto dagli esperti per mantenere un metabolismo in piena forma lungo tutto l’arco dell’inverno.

Perché ti senti stanco?

Quando ti sottoponi a una fatica, sia fisica che intellettuale, questa richiede uno sforzo più o meno intenso di quella parte dell’organismo che ne è coinvolto. Esistono però dei meccanismi in grado di attenuare gli effetti di questo sforzo e di riguadagnare le energie.

La fatica in effetti può essere definita come una sensazione di debolezza fisica o anche mentale. E’ il segnale che l’organismo non ce la fa più ad affrontare le cose con la stessa efficienza.

La fatica intellettuale si manifesta quando il cervello non ha più l’energia sufficiente per rispondere allo sforzo.

In questa situazione, diminuisce la capacità di concentrazione, così come la capacità di memoria. E’ il “black out” che ad esempio colpisce lo studente nel periodo degli esami. Questa fatica è accompagnata spesso da problemi di appetito, insonnia e vuoti di memoria.

Le cause della fatica nervosa o psichica sono estremamente numerose e difficili da identificare.  Sono spesso la conseguenza di circostanze socio-ambientali difficili, come la vita familiare, il lavoro, il sovraccarico di impegni, lo stress.

In effetti, una vita affannata, frenetica, convulsa, gioca un ruolo determinante nella fatica nervosa. Ed è spesso associata a una mancanza di forma sia fisica che intellettuale.

Mettersi a riposo e non fare nulla non serve, anzi a volte aggrava la sensazione di fatica. I colpi di sonno diventano intensi e frequenti. A problemi psicologici come tristezza o depressione si aggiungono sintomi fisici di tutti i generi, come difficoltà di digestione, o disturbi dell’appetito, tanto per citarne alcuni.

Ritrovare, conservare e stimolare il nostro tono intellettuale.

Secondo la neuroscienza, ci sono numerosi modi per stimolare il proprio tono intellettuale. E che è importante combinare fra loro, per ottenere risultati significativi. Non si tratta di scegliere il modo che convince di più, ma di metterne in atto più che si può nello stesso tempo, perché ognuno agisce in modo diverso sui neuroni e sulla tonicità cerebrale.

bellavitosi_uno
Quello che è buono per il cuore è buono anche per il cervello.

L’esercizio fisico è il metodo ideale per far sì che la materia grigia si mantenga fresca e pimpante. Ne abbiamo già parlato qui. Un esercizio aerobico praticato per una mezz’ora al giorno, tutti i giorni, è l’ideale. Bisogna inspirare ed espirare, regolarmente, per aumentare il ritmo cardiaco. L’esercizio fisico stimola la circolazione sanguigna, ossigena il cervello e fa sì che l’organismo produca endorfine, che aumentano la sensazione di benessere e di energia.

bellavitosi_due

Fai lavorare il cervello ogni giorno, senza fissazioni.

Tenersi informati, alimentare la curiosità, scambiare opinioni con gli altri fa parte del trattamento anti età dei neuroni. Ma anche apprendere qualcosa di nuovo, una lingua o uno strumento musicale, come spieghiamo qui, continua a essere sempre un ottimo motivo per mantenere allenata la materia grigia.

bellavitosi_tre
Basta musi lunghi.

L’invecchiamento della forma fisica è strettamente legato all’attitudine delle persone. Privilegiare l’ottimismo, sorridere, socializzare, è la migliore medicina preventiva. Bisogna assolutamente essere positivi per restare in forma! I pensieri positivi portano benessere e al contrario quelli negativi spingono verso il fondo. Frequenta persone allegre, sorridenti e… bellavitose. Stai alla larga da quelle “tossiche”.

bellavitosi_quattro
Ossigena il cervello e fallo riposare.

Un cervello ben ossigenato è più rapido, più dinamico e tonico se può beneficiare di una buona ossigenazione. Per questo prenditi 5 minuti per respirare profondamente, 5 secondi per l’ispirazione e 5 secondi per l’espirazione.
La respirazione è essenziale, anche abbinata allo yoga o alla meditazione.

bellavitosi_cinqueNutri i neuroni con l’alimentazione giusta.

Gli Omega3 presenti naturalmente nei pesci grassi come il salmone, le sardine, le alici, il tonno, le noci o i semi di lino, nutrono i neuroni. Per conservare un buon tono intellettuale, bisogna scegliere cibi ricchi di ferro, che facilitano l’ossigenazione del cervello, come il rosso d’uovo, le lenticchie, la quinoa. Anche il fosforo contenuto nei pesci fa benissimo. Le vitamine del gruppo B1, B6, B9 e B12 sono importanti perché favoriscono l’aceticolina necessaria per mantenere una buona capacità di apprendimento. Sono contenute ad esempio nei legumi, asparagi, cereali integrali, noci, cicoria, spinaci, rucola, bietole, uova, latte, yogurt, carne, pesce, bacche e banane.

bellavitosi_sei
Dai qualche aiutino all’organismo.

Il magnesio è un riequilibrante del sistema nervoso. Permette di rilassare l’organismo e i muscoli del corpo. Ed eliminato lo stress fisico, il corpo può così riprendere la sua energia. Esistono prodotti naturali, d’origine vegetale o minerale come lievito, alga spirulina, germe di grano, selenio, zinco, vitamina C che, salvo controindicazioni mediche, aiutano a compensare le carenze e gli scompensi alimentari ma anche a riequilibrare un sistema nervoso affaticato.

bellavitosi_sette

Circondarsi d’amore.

Per essere e restare in piena forma fisica lungo tutto l’arco della vita, si deve saper donare molto amore e riceverne altrettanto, a cominciare da se stessi. L’amore è una bolla di protezione che può fare miracoli in termini di prevenzione e rimedio per la salute. Usa l’amore senza moderazione, anzi abusane!

bellavitosi_otto
Buonanotte e sogni d’oro.  

Fai delle micro-sieste ogni giorno, per esempio dopo pranzo. Spegni il cellulare e se possibile stenditi. Bastano 10 o 15 minuti per riposare gli occhi e fare il pieno di energia. E’ essenziale dormire regolarmente da 6 a 8 ore per notte, quindi scegli un buon materasso e un cuscino comodo, mantieni la temperatura della stanza a 19°, al buio e al silenzio.
Evita se possibile i sonniferi e se necessario opta per un rimedio naturale a base di piante.

bellavitosi_nove

Scegli un’attività fisica che ti piace. E praticala!

E’ una delle regole fondamentale per avere un fisico al top. Ma per farlo, soprattutto se non sei uno sportivo, è necessario scegliere un’attività che ti piaccia. Una camminata veloce per 30 minuti al giorno può bastare.  Ma anche altre attività centrate sull’energia fisica sono favolose per la salute. Per esempio il pilates, lo yoga, il qi-gong, il tai-chi. Se poi le abbini con un’attività “cardio” è ancora meglio.

bellavitosi_dieci

Annaffia il tuo corpo.

Se bevi solo quando hai sete è troppo tardi! Bisogna bere regolarmente già dal mattino, e poi continuare lungo tutta la giornata, dell’acqua, del thè, o tisane senza zucchero, fino ad arrivare ad almeno a un litro e mezzo al giorno.
L’acqua contribuisce a idratare il corpo e i neuroni.

bellavitosi_undici
Dacci un taglio con i vizietti.

Più facile a dirsi che a farsi, a un certo punto per essere al massimo della forma bisogna smetterla col tabacco e ridurre drasticamente alcool, caffeina e teina. Per non parlare del cibo. E’ fondamentale ridurre i grassi cattivi e gli zuccheri semplici, il glutine e tutti i prodotti a base di latte vaccino, sostituendoli con quelli a base di latte di pecora o capra.
Privilegia le cotture al vapore o alla griglia. E alzati da tavola con la sensazione di avere ancora un po’ di fame.

bellavitosi_dodici
Impara a dire di no.

Evita di fissarti degli obiettivi impossibili raggiungere. Imparare a rallentare, a prendersi i tempi giusti è essenziale per sentirsi psicologicamente bene. Saper dire di no sembra facile, ma non è così. Non alzare troppo l’asticella: sii più indugente verso te stesso e accetta le tue imperfezioni, questo sarà già un buon inizio per far stare meglio il tuo organismo.

bellavitosi_tredici
Privilegia gli antiossidanti.

Ci sono antidoti che la natura mette a nostra disposizione per combattere gli effetti tossici dell’ossigeno. Perché in effetti l’ossigeno, così indispensabile alla vita, è anche responsabile dell’ossidazione dell’organismo. A contatto dell’ossigeno il corpo produce i radicali liberi, cioè molecole tossiche e chimicamente aggressive, responsabili dell’invecchiamento ma anche di numerose altre patologie come cancro, diabete, malattie cardiovascolari, Alzheimer.
Per combattere gli effetti devastanti dei radicali liberi, la natura ci offre attraverso l’alimentazione molecole antiossidanti contenuti nella frutta, nei legumi, nelle verdure. Si tratta principalmente delle vitamine A, C, E, del carotene e degli oligo-elementi come il selenio e lo zinco.

bellavitosi_quattordici
Scopri il drenaggio linfatico.

La linfa, autentico “elisir della vita” permette al nostro organismo di purificarsi e rigenerarsi. I vasi linfatici sono molto sottili e circolano sulla superficie della pelle. Il drenaggio linfatico facilita l’espulsione delle tossine in modo dolce e fluido, con un delicato massaggio che favorisce l’accelerazione del flusso linfatico e quindi rafforzano l’energia vitale.

bellavitosi_quindici

Oppure un qualche tipo di massaggio.

Scegli una terapia di massaggio fra quelle più gradevoli per te. Una volta la settimana sarà una vera provvista di benessere che ti donerà il tono giusto in tutto quello che fai. Stendersi ogni tanto per farsi manipolare è la cosa più saggia per stare meglio quando si è in piedi!