Ti sarà inviata una password per E-mail

L’ILLUSIONE DI UNA NUOVA REALTA’

Tempo di lettura: 4 min.

Vedere ciò che non c’è, è diventata una realtà. Non è un gioco di parole, ma l’ultima meraviglia della tecnologia. Un’evoluzione di ciò che sapevamo sulla realtà aumentata.

Se vogliamo fare la figura dei saputelli quando si parla di nuove tecnologie, è bene sapere di che si tratta. Anche se in effetti per ora è una cosa destinata più ad applicazioni professionali che al divertimento di un pubblico allargato.

Niente sembra meravigliarci più in questo settore, ma quello della realtà mista, o “mixed reality”, promette di essere davvero una nuova magia.

La realtà mista è tutt’altra cosa rispetto alla realtà virtuale o alla realtà aumentata.

No, niente a che vedere con i Google Glass, progetto ormai abbandonato e che fa parte di un “lontano” passato.

Certo, la realtà aumentata è stata una tecnologia ampiamente sfruttata negli ultimi anni, che ha permesso il grande successo di un fenomeno come Pokemon Go o che ha aggiunto una nuova spettacolarità alle piattaforme video. Un mondo fatto di pixel, che però erano visibili solo con occhiali che ci isolavano da tutto il resto.

Qual è la differenza fra realtà aumentata e la realtà mista? 

Quest’ultima funziona con laser a bassa intensità che manipolano il campo luminoso e creano degli ologrammi, il cui movimento viene elaborato da sensori che seguono il movimento degli occhi per inquadrare questi ologrammi mentre si muovono nell’ambiente intorno.

Capito, quindi? Con la realtà mista questi ologrammi e la realtà si possono fondono insieme, creando un effetto molto vero e concreto (soprattutto in condizioni di buio o su fondo scuro). L’illusione che tutto sia davvero lì: come un miraggio nel deserto, insomma.

La realtà mista è un progetto inventato da una start up di Miami, la Magic Leap.

bellavitosi_realta-mista-occhiali-hololens.jpgPer i suoi occhiali Magic Leap One, la Magic Leap ha già ottenuto enormi finanziamenti dai più grossi colossi del mondo digitali, fra cui Google, Alibaba, Warner Bros. Ma anche Samsung e Microsoft stanno lavorando a una loro versione.  (segue)

1 2 3 4