Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 3 min.

Il progetto di Daimler e Bosch fa parcheggiare le auto in modo automatico anche nei garage e nei silos. Potrebbe essere autorizzato già dal prossimo anno.

Siamo abituati a vedere in televisione gli spot delle auto con il parcheggio automatico, un sistema di sensori e telecamere che permettono all’auto di parcheggiare da sola, in strada, infilandosi tra le macchine parcheggiate.

È un’ottima comodità, una funzione avveniristica che pochi anni fa sarebbe stata giudicata un sogno, invece è già realtà.

bellavitosi_parking--auto-garage.jpgMa la ricerca va avanti ed è già arrivata molto più lontano. Nel 2018 vedremo il parcheggio con guida autonoma all’interno di un grande garage anche a più piani. Il progetto è di Daimler e Bosch. Bosch ha fornito la tecnologia logistica e Daimler quella automobilistica più il luogo fisico, il garage multipiano del Mercedes-Benz Museum a Stoccarda.

E’ tutto molto semplice da usare, come deve essere, e anche da spiegare. Arrivati all’ingresso del garage si lascia la macchina e con lo smartphone si fa partire un’app che comanda e controlla il percorso fino al posteggio. In ogni punto del garage ci sono sensori che rivelano all’auto la presenza di muri o di ostacoli, sull’auto invece ci sono altri sensori che comandano le manovre.

La vettura si accende da sola, sale le rampe e arriva fino al piano in cui c’è un posteggio libero, quello che l’app ha individuato. Lì aspetterà di essere chiamata.

Al ritorno, si arriva all’uscita del garage e si chiama l’auto con l’app. La vettura verrà comandata automaticamente fino al piano terra dove il proprietario la prenderà in consegna.

 


Il progetto è stato presentato agli enti locali, al Ministero dei Trasporti e agli esperti della TUV, l’ente di certificazione tedesco, e da tutti è stato supervisionato, dall’inizio dei lavori fino alle ultime prove.

Gli enti normativi dovrebbero rilasciare entro i primi mesi del prossimo anno l’approvazione finale del progetto, che poi potrà essere offerto al mercato.

Daimler e Bosch dichiarano che l’autorimessa Smart, cioè intelligente e automatizzata, offre molti vantaggi operativi e gestionali con un utilizzo più efficiente dello spazio e dei posti disponibili, quantificabile nel 20% in più a parità di superficie.

Siamo a un passo dal futuro, il futuro che non avevamo neanche ipotizzato perché una volta si pensava ai dischi volanti in città e a metropoli nello spazio, invece oggi scopriamo che il futuro è la comodità, la praticità, la ricerca della serenità.

In attesa che il futuro venga approvato dal Ministero dei Trasporti tedesco, parcheggiamo le nostre speranze su un futuro meno complicato.