Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 3 min.

La prima esposizione permanente dedicata alle fragranze e al profumo, uno dei simboli più conosciuti della cultura francese nel mondo. A Parigi, e dove sennò?

Il profumo, in Francia, è un’evidenza. Uno degli elementi basilari della sua storia, della sua arte di vivere e anche il suo patrimonio.

bellavitosi_musee-parfum-4  bellavitosi_musee-parfum-3  È grazie a una cordata di investitori privati che è stato possibile realizzare questi tre piani espositivi dove si snoda la storia delle tecniche di produzione e delle materie prime da cui nascono le fragranze.

Mancava a Parigi un luogo emblematico ed evocativo dedicato al profumo, dove esplorare un rituale personale ma anche universale, scoprire quali sono i segreti di questi elixir capaci di esprimere chi siamo, o chi vorremmo essere.

Ecco quindi nel cuore di Parigi, in un palazzo settecentesco al 73 di Faubourg Saint-Honoré, a pochi metri dall’Eliseo, questo museo indipendente di 1400 metri quadri che rende omaggio al settore più dinamico dell’economia francese: un settore che rende 2,2 miliardi di euro di fatturato all’anno.

Le istallazioni lasciano spazio a suggestive esperienze scenografiche e sensoriali.

Fiori giganti color latte che emanano fragranze di eau de toilette, corolle giganti come in una foresta lussureggiante, dispenser dalle forme fluttuanti per offrire test sul potere evocativo dell’olfatto.

Si annusano queste insolite specie botaniche, come in un mondo fantastico che diventa un’esperienza giocosa, soprattutto quando si scopre che i fiori esalano note che arrivano dai nostri ricordi di bambini: profumi di cioccolato, di torta, di legno della giostrine.  (segue)

1 2