Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 2 min.

Tutte le principali case automobilistiche organizzano corsi di guida sicura, in tutta Italia. Ma la novità è che non si partecipa solo per andare più forte.

Non esistono buone o cattive strade, esistono buoni o cattivi guidatori. Affrontare le emergenze di guida sulla strada è importante per i neopatentati come per guidatori di lungo corso, perché guidare sicuri non significa guidare piano ma avere il controllo del mezzo.

C’è chi va a fare i corsi di guida sicura per fare meglio le sbandate controllate o le partenze a razzo, e chi invece vuole imparare a controllare l’auto su strade scivolose o in situazioni impreviste. Noi apparteniamo alla seconda scuola di pensiero.

Sono corsi brevi, durano un giorno o al massimo un weekend, prima si studia un po’ di teoria e poi via con la pratica, che è la vera esperienza di questi corsi, tenuti da ex piloti, organizzati dalle maggiori case automobilistiche e tenuti nei circuiti automobilistici.

Le prove sono sempre fatte con l’istruttore a fianco, per dare indicazioni in tempo reale a chi guida e per essere sicuri che possa intervenire in caso di pericolo.

Ma cosa si impara veramente in uno di queste scuole? In genere chi esce da questi corsi ha imparato a non avere paura quando l’auto va fuori controllo, sa come affrontare il maltempo e i suoi rischi, ha provato l’auto nelle situazioni al limite. In una parola, guidare più sicuri.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, l’età media non è molto alta.

C’è la gran parte dei partecipanti, dai 20 ai 25 anni, veri appassionati di guida, poi quelli intorno ai 40 anni che cercano brividi in sicurezza, infine quelli verso i 60 che vogliono testare e migliorare i propri riflessi. Le donne stanno quasi pareggiando i maschi in quantità e anche in abilità.

Ultimamente il corso di guida sicura viene vissuto come un premio, per sé e per la propria abilità di guida. Ma spesso viene anche usato come regalo per un giovane neopatentato, da parte dei genitori o anche dei nonni.

Imparare a controllare l’auto in ogni tempo e condizione è garanzia di buon viaggio e protezione per noi e per chi è con noi. Non ultimo, più sicurezza anche nei confronti degli altri.