Ti sarà inviata una password per E-mail
Tempo di lettura: 2 min.

La testimonianza di una nostra amica bellavitosa che ci ha scritto per parlarci della sua esperienza e del suo cambiamento. Perché invecchiare bene è anche un fatto mentale.

Cari bellavitosi,

questa lettera è per raccontare perché anche io vivo gli anni che passano come un’opportunità per non smettere mai di crescere, soprattutto con la testa.

Ho capito dopo tanti anni che è importante non fermarsi mai, non arrendersi. La mia è una storia semplice, che però può essere di aiuto per tutti quelli che a un certo punto è come se deponessero le armi, rassegnandosi a quello che si è diventati, magari per i fatti della vita, o per distrazione, o per trascuratezza.

Quando sono arrivata a 45 anni, il mio fisico ha cominciato ad arrotondarsi: chili in più che da allora non sono mai riuscita a togliermi di dosso. C’è chi pensa che questa sia una cosa di poca importanza, e anch’io lo pensavo, anche se per anni ho fatto una dieta dopo l’altra, tutte inefficaci e scoraggianti, perché dopo poco riprendevo tutti i miei chili, se non qualcuno di più.

Il risultato di tutta questa fatica è che mi sentivo sempre più vecchia della mia età. Qualcosa che accettavo, mi sembrava, in modo rassegnato. Come se non ci potessi fare niente.

Il clic è arrivato un giorno, tre anni fa, quando ho scoperto un centro dietetico con nutrizionisti che facevano dei trattamenti dimagranti. Un centro come ce ne sono tanti. Ma la decisione di affidarmi a questo centro è stata il via per ricominciare a prendermi cura di me: camminando molto, tutti i giorni, e tenendo sotto controllo l’alimentazione.

Stavolta ho continuato, senza mollare. Nel giro di due anni il mio corpo ha ripreso la forma che avevo quando ero molto più giovane.

E a quel punto, c’è stato un altro clic. Ritrovando il mio vero corpo, ho cambiato anche il mio stato mentale. Sono tornata ad essere una combattente, su tutti i fronti. L’attenzione che avevo nei miei confronti si è evoluta, così come quella che avevo per il prossimo.

Da allora, ogni anno che passa è per me una nuova vittoria. Ogni giorno provo a fare della mia esperienza un punto di forza. Certo, invecchio come invecchiano tutti. Ma ogni anno in più lo vivo come un regalo. E quando mi guardo allo specchio, accetto meglio i miei limiti e sono contenta di me.

Cecilia

62 anni, insegnante, Bari